Tu sei qui

Il Cairo: antica capitale del caffè

Già nel lontano 1660 l'Egitto aveva un ruolo centrale nella commercializzazione del caffè nel mondo arabo e nei paesi del bacino del Mediterraneo. Mano a mano che il caffè si andava diffondendo in tutti gli ambienti, senza più distinzioni sociali o religiose, al Cairo vennero avviate - una dopo l'altra - numerose caffetterie (bayùt qahwa) accreditando la città egiziana come capitale araba dei Caffè.

I Caffè si trasformarono rapidamente da semplici luoghi di consumo, a veri e propri centri di socializzazione ed intrattenimento, con l'aggiunta di giochi da tavolo, narghilè per il consumo del tabacco e spettacoli di musica e danza. Nascevano così i primi circoli letterari e i primi salotti politici, dove borghesi ed intellettuali potevano parlare e degustare il caffè, vera bevanda d'elite. Ancora oggi il caffè si ordina specificando subito la quantità di zucchero desiderata, riservando il consumo del caffè amaro per situazioni come le cerimonie funebri.

hide