Tu sei qui

Il caffè mistico dei Dervisci Sufi

Ciò che favorì la diffusione del caffè anche in Egitto fu una confraternita di mistici dell'Islam, conosciuta come "Sufi", che durante la prima metà del 1500 si allargò a molti i paesi islamici, articolandosi in numerosi ordini, ognuno con una propria guida spirituale.

La loro peculiare liturgia prevedeva che alla recita del Corano si accompagnassero danze, canti e... abbondanti dosi di caffè, le cui proprietà stimolanti erano indispensabili per raggiungere uno stato di trance estatica che avrebbe permesso, secondo il loro credo, di entrare in contatto con Dio. A tale scopo i partecipanti alle cerimonie bevevano il caffè da una capiente tazza comune di terracotta a forma di vascello.

Sebbene queste tradizioni dal forte contenuto mistico-religioso siano andate in gran parte perdute, la confraternita Sufi dei Dervisci a tutt'oggi è solita mettere in scena fascinosi spettacoli durante i quali i danzatori acrobatici che indossano grandi gonnelloni colorati, eseguono complicate figure geometriche.

hide